Brand protection: 5 motivi per affidare ad un consulente esperto la protezione del tuo marchio

Vale la pena investire in brand protection affidandola a professionisti esterni alla propria azienda? Si potrebbe banalmente rispondere in maniera affermativa in base ad una pura misurazione dei costi: un team interno, anche ridotto ai minimi termini, dedicato alla tutela del marchio avrebbe un costo nettamente superiore ad un’esternalizzazione del servizio ad una società specializzata. E’ però necessario andare oltre e valutare l’opportunità di una consulenza esterna sulla base della qualità delle attività e del potenziale ritorno sull’investimento. Molti aspetti del lavoro di protezione del brand non sono replicabili in azienda: vediamone alcuni di fondamentale importanza.

1) Costi e tempo/risorse

Alcune figure professionali sono imprescindibili per un’efficace protezione dei diritti di proprietà intellettuale. Almeno un informatico di elevata professionalità, un team rodato di analisti coordinati da un manager di alto profilo, una figura che si possa occupare di fornire ausilio a forze dell’ordine e magistratura, almeno un manager di collaudata esperienza nel settore: questa è la squadra minima per gestire un valido programma di tutela per un brand di piccole/medie dimensioni. Se aggiungiamo investimenti di decine di migliaia di euro all’anno per l’infrastruttura software e hardware, i conti sono presto fatti: l’investimento in una struttura interna è fortemente anti-economico.

2) Tecnologia

Le fondamenta sulle quali si regge una società che opera nel settore della brand protection sono rappresentate da solidi asset tecnologici. Spesso considerata il “fine ultimo”, la “soluzione finale” al problema della contraffazione nella sua accezione più ampia, in realtà la tecnologia è la base su cui costruire un approccio ben più ampio. Soluzioni software dedicate, scalabili e altamente personalizzabili, costruite principalmente intorno a piattaforme proprietarie che eventualmente integrano soluzioni verticali, consentono di raggiungere risultati ottimali in termini di potenza di calcolo ed elaborazione, flessibilità e possibilità di estrema personalizzazione per le esigenze del cliente.

3) Metrics – Intelligence

Bastano asset tecnologici potenti per gestire monitoraggi massivi? La risposta è no. I software dedicati alla protezione del brand devono necessariamente garantire un’ottimale “lavorazione” dei dati per consentire un follow up strategico sulle attività di monitoraggio e rimozione. Le peculiarità del fenomeno della contraffazione e della violazione del copyright riducono enormemente l’efficacia delle rimozioni dei contenuti dal web, anche in caso di volumi particolarmente significativi. Una protezione esclusivamente basata e misurata sui numeri di rimozioni prodotte non è una protezione efficace; una protezione che genera intelligence massimizza i risultati, consente un ottimo ritorno sull’investimento e crea strategie di enforcement innovative.

4) Esperienza

Come sfruttare l’intelligence prodotta dai sistemi informatici? Nulla vale quanto l’esperienza maturata nel settore. Non esiste un piano di tutela efficace che non sia personalizzato sulle esigenze e le caratteristiche del cliente. A tale personalizzazione si giunge solo grazie all’esperienza maturata in anni di lavoro nella tutela dei diritti, possibilmente su più settori industriali e abbracciando ambiti diversi come la tutela del copyright, dei marchi, dei diritti della persona. Oltre alla conoscenza del cliente, risultano fondamentali la conoscenza degli attori e dei luoghi della contraffazione e la capacità di reazione ai loro cambiamenti.

5) Network

L’esperienza genera network. La brand protection non può essere un’attività isolata e auto-referenziale che vive di automazioni e produzione di report. Costante presenza e solida reputazione presso tutti gli attori del panorama della tutela dei diritti di proprietà intellettuale, sono chiavi indispensabili per gestire efficaci attività di tutela. L’esperienza maturata lavorando con istituzioni pubbliche e private, con law enforcement agencies sia a livello locale che internazionale, con associazioni di categoria, con diversi studi legali sono il presupposto indispensabile per l’adozione dell’unica strategia vincente: quella dell’approccio integrato e multi-livello al fenomeno.

Condividi l'articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>