DcP, AGCM e Indicam: La più grande operazione contro la contraffazione online condotta finora

La contraffazione, secondo recenti dati OCSE, ha un volume relativo alle sole merci scambiate nel mondo pari a 500 miliardi di Euro nel solo 2014. Le aziende Italiane, più di altre, soffrono particolarmente, essendo il 14% di quei 500 miliardi relativo a marchi nazionali. L’Europa mostra di essere un punto problematico d’entrata di merci false, se si pensa che il 5% dei prodotti che arrivano alle frontiere comunitarie è falso, mentre a livello globale la percentuale si dimezza.

Oltre il 60% delle merci che arrivano alle frontiere non viaggia più in container, ma per pacchi con meno di 5 colli. Ciò è un ulteriore segnale: la contraffazione si sta spostando sull’online come canale privilegiato di acquisto e di scambio. Le norme a livello Comunitario di governo della rete non sono ormai adeguate al progresso del commercio elettronico. La mancanza di previsione di responsabilità per gli intermediari della rete è un punto di criticità che dovrebbe essere sanato al più presto.

In Italia è molto attiva la lotta alla vendita di prodotti falsi e da oggi diventa efficace un nuovo provvedimento dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato di oscuramento di 252 siti facenti capo a 9 individui di nazionalità straniera. E’ la più grossa operazione condotta dall’AGCM, in collaborazione con la Guardia di Finanza, che è bene ricordare tutela in questo modo i consumatori che, nei casi delle vendite online, rischiano in maniera concreta di venire truffati, di non ricevere ciò che comprano o di vedersi recapitare prodotti molto distanti da quello che appariva sui siti.

L’operazione ha preso il via, come già in altre occasioni, grazie a un lavoro di indagine di INDICAM, l’associazione dell’industria che si occupa di tutelare la proprietà intellettuale e combattere la contraffazione. Il team ha collaborato con DcP – Digital Content Protection – che vanta grande esperienza nel monitoraggio del web, ossia nell’investigazione di fenomeni di violazione che avvengano ai danni dei marchi su internet.

“Soltanto quest’anno – dichiara Mario Peserico, presidente di INDICAM – l’AGCM ha condotto centinaia di azioni di oscuramento di siti che vendevano merci false. Siamo sempre positivamente colpiti dall’efficacia dell’azione dell’Autorità e dalla disponibilità di lavorare sui dossier che insieme ad ADOC elaboriamo. I dati sulla contraffazione, in aumento anche, se non soprattutto, grazie a internet, devono definitivamente rendere il contrasto a questo mercato la priorità nelle agende di ognuno.”

L’attività di investigazione condotta da INDICAM ha preso come riferimento siti che potessero, per caratteristiche di qualità nelle immagini, di lingua, di presenza di prodotti, avere alte possibilità di inganno per il consumatore. Il lavoro condotto da DcP si è anche concentrato sull’analisi degli elementi comuni che una moltitudine di negozi online potessero presentare, identificando una mappa finale di 252 siti organizzati in capo a sole 9 persone. INDICAM ha poi verificato che i prodotti coinvolti, di moda, occhialeria, accessori, fossero effettivamente in violazione dei marchi, e ha quindi definito il dossier da condividere con ADOC per poi essere inviato a AGCM.

L’attività dell’Autorità è poi proseguita con il supporto della Guardia di Finanza.

“Questo caso – prosegue Mario Peserico – dimostra anche come il lavoro associativo abbia un contenuto molto pratico per tutelare i vari marchi e di quanto il lavoro di team, tra INDICAM, i brand e DcP come in questo caso, porti a frutti di rilievo. L’esperienza e la competenza di AGCM e della Guardia di Finanza, che non siamo certo noi a scoprire, completano poi un quadro di efficacia che apprezziamo costantemente. Non abbasseremo mai la guardia ed anzi intensificheremo i nostri sforzi, sia verso un affinamento degli strumenti di indagine che verso l’ottenimento di una maggiore attenzione da parte dei legislatori, comunitari in primo luogo.”

Condividi l'articolo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>